Marmellata di more


Condividi questa pagina

Le more sono il gustoso frutto dei tanti rovi che costeggiano le nostre strade siciliane.
Il rovo (Rubus ulmifolius) appartiene alla famiglia delle Rosaceae ed è una pianta spinosa che cresce spontaneamente nelle nostre campagne, potete vederlo spuntare dai muretti a secco e spesso può diventare molto grande (anche fino a 6 metri).

Un grande cesto di more - Foto di Chiara PriviteraAgosto è il mese della maturazione delle more, il momento migliore per raccoglierle magari facendo una lunga passeggiata per le campagne intorno a Melilli.
Questi frutti sono ricchi di acidi grassi omega-3 e omega-6. Potete consumarli dopo averli accuratamente lavati anche con un po’ di succo di limone, oppure preparare delle conserve per l’inverno.

 

Vi proponiamo un semplice procedimento per preparare la marmellata di more in casa.

Raccogliete le more più mature che potete e lavatele per bene sotto l’acqua corrente, eliminando eventuali residui del rovo. Per ogni chilo di more aggiungere 500 grammi di zucchero e un limone.
Lasciatele macerare in frigo per una notte Mettetele sul fuoco in una pentola antiaderente con un paio di cucchiai di acqua, a fuoco bassa, senza dimenticare di mescolare e schiacciandole con un cucchiaio di legno.
Fate bollire il composto per 40 minuti – 1 ora fino a quando la marmellata non comincia a condensarsi.

marmellata-more-sicilianaFate la prova del piattino per vedere se la marmellata è pronta: mettetene un po’ su un piattino e inclinatelo, se la marmellata non scivola è pronta.
Alcuni preferiscono passare il composto con il passa verdure, tutto o in parte, ma è facoltativo.

La marmellata si può conservare anche per un anno, vanno utilizzati dei vasetti di vetro sterilizzati.
Per sterilizzarli bisogna metterli, senza il tappo, in forno a 100°C per 15 minuti. La marmellata va versata nei vasetti quando è ancora bollente.
Per sterilizzare anche il tappo il vasetto va capovolto e tenuto in questo modo fino a quando non sarà freddo.

Condividi questa pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *